Minima Immoralia #56

8 novembre 2008

Da vent’anni le mie povere orecchie sentono sempre le stesse domande riguardo mio padre. Si parte con un innocuo “…E tuo padre?” e alla risposta “Non ho padre” la mente umana (quella altrui) formula ogni sorta di tesi, ipotesi, corollario e pone domande che vengono poste per saziare la curiosità, senza ledere la mia sensibilità. La domanda più insulsa mi fu posta tempo fa da una ragazza: “Ma ora che sei maggiorenne non vorresti sapere chi sia tuo padre?”. La mia risposta fu: “Se sono riuscito ad arrivare alla maggiore età senza conoscere l’identità di mio padre, non vedo perchè devo rovinare questo progetto di crescita fino alla senilità”. A volte vorrei essere un geco per arrampicarmi sui muri e nascondermi tra le fessure, ma non essendolo, da un po’ di tempo mi limito a rispondere con un semplice “E’ morto”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: