Minima Immoralia #194

8 giugno 2009

Il problema è semplice, la risoluzione dettagliata, ma non soddisfacente.

Io, nel mio cranio, mi autoconvinco in maniera così soddisfancente da rimanerci di merda quando tutto crolla. Più convincente di un politico, più esaustivo di un professore, più sicuro di un calciatore dal dischetto. Il lato romantico, quello sognatore, che non perde la speranza fino all’ultimo minuto e l’ultima azione.

Poi c’è l’altro lato, quello che esita, quello che se non fosse per il fiume vorrebbe il mondo statico e freddo. Quello calcolatore, che vede le cose come il Dottor Manhattan: un cumulo di atomi che si scontrano e fondono con regole precise e dettagliate sfuggenti all’occhio degli uomini che non conosceranno mai la loro vera natura.

E il più delle volte va a finire che la ragione la ha sempre la seconda parte di me. In fondo gli uomini sono ammassi di carne in cerca di altra carne, quindi è nel gioco della sopravvivenza se una donna preferisce un uomo a discapito di un altro. Ma, porca puttana, quant’è doloroso per me.

(meno sei)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: