Il Caffe’

25 gennaio 2010

Diceva Bakunin, o era Wilde?, deve essere nero come la notte, caldo come l’inferno e amaro come l’amore. Io stamattina per tenermi in piedi l’ho preso tale e quale all’amore: si e’ insinuato dalla bocca e ha scatenato un calore insolito nello stomaco e poi, come solo l’amore sa fare, mi ha lasciato quell’amaro in bocca difficile da togliere, neanche col tempo. La prossima volta lo faccio raffreddare un po’ prima di berlo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: