Inventarmi

29 aprile 2010

Per non andare a dormire la notte sognando i luoghi desolati dove io, solo io, anche io, nient’altro che io, posso guardare come un idiota per ore e ammirare la loro inutile bellezza. Un tempo sognavo un immenso negozio di giocattoli dove esisteva qualsiasi tipo di trastullo creato dal genere umano in ogni dove e in ogni quando: dal piu’ piccolo goban alla console con tredici processori sviluppati dalla NASA. Qualche volta, nei rari casi in cui l’insonnia dimentica di andare a lavoro, mi capita di sognarla, ma il suo interno e’ divenuto nientaltro che lo scheletro di me stesso. Un ammasso di cemento, vetro e ferro che al primo fuoco sara’ pronto a contorcersi come il salone universale di Parigi. Non ho più bisogno di certezze, dopo anni preferisco alla lunga le illusioni, ma anche quelle iniziano a crollare.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: